massimo binelli

BUSINESS E SPORT COACH

Il Blog di MB

Pillole di Coaching

Martedì, 05 Agosto 2014 10:06

Il leader proattivo 2.0

Dieci anni fa scrissi un articolo dal titolo “Il leader proattivo”. Il termine all’epoca era poco diffuso e chi azzardava una spiegazione il più delle volte si lasciava andare al facile “persona più che attiva”. Oggi, invece, basta googlare (o vi piace di più gugolare?) il termine per scoprire che le occorrenze in Rete sono abbondantemente sopra a quota 200mila. Il Wikizionario, ad esempio, dice che “proattivo” è «1. chi ha la capacità di reagire agli eventi in modo consapevole e responsabile non lasciandosi condizionare dalle proprie impulsive remore psicologiche e dalle circostanze ambientali esterne; 2. … la capacità di prevenire e anticipare i problemi e i bisogni futuri e, più in generale, l’abilità nel gestire i cambiamenti. Necessita una preventiva pianificazione o impiego di esperienza pregressa». Ripropongo uno stralcio del mio vecchio intervento, per leggerlo con una consapevolezza maggiore riguardo al significato di questa “qualità da leader”.

L’uomo, sostiene Stephen R. Covey, l’autore americano che ha parlato per la prima volta di proattività in un suo libro pubblicato negli anni ‘90, a differenza di tutti gli altri esseri viventi possiede l’autoconsapevolezza, ossia la «capacità di riflettere sul proprio stesso processo di pensiero» e di osservarsi in modo distaccato, come in una “visione dall’alto” (nel frattempo abbiamo imparato a definire questo esercizio come visualizzazione esterna, o visualizzazione in terza posizione, nda). Grazie a questa straordinaria dote naturale, l’uomo è in grado di comprendere quale visione hanno gli altri di se stessi e quale sia il loro “modello del mondo”, svuotando la mente dai suoi condizionamenti personali e dai luoghi comuni, ma sono in pochi coloro che praticano regolarmente questo esercizio, poiché è molto più facile e comodo agire in modo “reattivo”, sulla base degli automatismi stimolo > risposta interiorizzati fin dalla nascita. Essere proattivi, invece, significa avere la piena responsabilità del vivere e dell’agire, coerentemente con i valori personali e indipendentemente dalle condizioni in cui si vive, che non devono influenzare o predominare. Domanda: Steve Jobs (nella foto), a vostro parere, quanto è stato proattivo? Più le scelte di un individuo sono dettate da una reattività non controllata e non in armonia con la sua scala gerarchica dei valori personali, più egli si allontana dalla proattività.

Sempre secondo il Covey, «finché una persona non riesce a dire con convinzione profonda e con onestà: “Io sono quello che sono oggi a causa delle scelte che ho fatto ieri”, non può nemmeno dire: “Adesso scelgo altrimenti”». È un po’ come affermare che nella vita, citando il titolo di un libro di Dario Bernazza, «o si domina o si è dominati», ossia bisogna dominare responsabilmente le situazioni per evitare di essere travolti e feriti da ciò che accade. Chi riesce a trovare l’energia per dominare anche nei momenti più difficili, non si rassegna, e concentra tutta la propria energia vitale per reagire, ha molte probabilità di vincere e di uscire rafforzato dalle avversità, ma chi si abbandona agli eventi, convinto che la sfortuna si sia accanita su di lui, finirà per generare profezie autoavverantesi su nuove disavventure.

Il leader proattivo (ma il ragionamento può essere esteso a ciascuna persona che desideri affermarsi e vivere da protagonista) deve saper operare senza attendere che qualcosa accada; deve saper prendere l’iniziativa per realizzare ciò che è giusto e necessario, senza subire passivamente l’iniziativa altrui e, soprattutto, senza aspettare che altri decidano o agiscano per lui. Egli non si rassegna mai all’idea che non si possa “fare di più”, perché è fermamente convinto che sia sempre possibile intervenire per valutare le alternative potenziali e scegliere la migliore. Il leader proattivo, anziché lasciarsi coinvolgere dalle debolezze degli altri e dai problemi originati dall’ambiente, si impegna ad agire su tutte le variabili dipendenti dal suo operato, generando in tal modo energia positiva che alimenta un processo virtuoso creatore di fiducia.

La proattività è una conquista che matura di giorno in giorno, partendo dai piccoli eventi per arrivare alle grandi cose, proprio come nel caso di un campione di una disciplina sportiva che si allena assiduamente, a livello fisico e mentale, sui dettagli della tecnica di esecuzione del suo esercizio allo scopo di perfezionare il gesto atletico durante le competizioni. L’atleta proietta nel futuro le sue azioni e si vede vincente, si immedesima nel successo; la persona proattiva, parimenti, deve credere fermamente in tutto ciò che fa, coerentemente con i suoi valori, obiettivi e modelli mentali, e deve saper imparare con rapidità dai propri errori, per dominare e vincere.

Il leader proattivo deve impegnarsi a dare il buon esempio; deve evitare di esprimere giudizi sulla persona accusando o biasimando in modo distruttivo, limitandosi a criticare i comportamenti; non deve stigmatizzare le debolezze degli altri; deve possedere la libertà di agire e di pensare.

Parliamone! Contattatemi cliccando qui: risposta assicurata e prima chiacchierata non impegnativa.

 

Ultima modifica il Lunedì, 06 Luglio 2015 10:56