massimo binelli

BUSINESS E SPORT COACH

banner AV promo libro
Come risvegliare la consapevolezza (Vivere alla massima potenza)
Pubblicato in Crescita Sportiva

Alla consapevolezza del “qui e ora”, tema che può essere sviluppato da più livelli di osservazione, ho dedicato diverse Pillole e un’intera sessione del videocorso Atleta Vincente. Ciò nonostante, continuo a ricevere numerose richieste di approfondimento, soprattutto per quanto riguarda la consapevolezza in gara, nel momento in cui dovremmo sperimentare la massima attivazione agonistica.

Rio 2016, come gestire la tensione di una finale (Pensa alla prestazione e non al risultato)
Pubblicato in Crescita Sportiva

Staccare un biglietto per partecipare ai Giochi Olimpici è il sogno di ogni agonista che dedica la propria vita allo sport. Riuscire ad entrare in una finale, a seconda della combinazione atleta-etnia, può rasentare la pia illusione. Basti pensare alle gare di mezzofondo, predominio assoluto dei neri africani, o alla velocità, affare che riguarda giamaicani, americani e pochi altri al mondo. Fino a Rio 2016, anche il tiro a volo era un circolo chiuso, eppure un perfetto sconosciuto, di origine egiziana, alla sua prima esperienza a cinque cerchi, è riuscito ad entrare nella finale a sei del trap, la fossa olimpica, una delle discipline del tiro a volo, e a gestire una tensione potenzialmente devastante. Come è stato possibile?

La trappola delle “misure” (Concentrati solo sulla tua prestazione)
Pubblicato in Crescita Sportiva

Nelle discipline sportive dove gli atleti si confrontano su distanze da percorrere, serie da completare o punteggi da raggiungere, le “misure ufficiali” creano assuefazione e diventano barriere mentali, soprattutto in allenamento, all’approssimarsi delle quali si innesca la profezia che si autoavvera. Per questa ragione, dobbiamo ingannare la nostra mente.

Botta e Risposta (Come controllare ansia e tensione in gara)
Pubblicato in Botta e Risposta

Perché un bravo portiere, che in allenamento fa faville, in partita diventa una statua di marmo, paralizzato dall’ansia tra i pali della porta? E perché quando subentra questo stato di tensione quello che dovrebbe essere un sano divertimento si trasforma in una sofferenza? Ne parliamo nel Botta e Risposta di questa settimana.

Come vincere l’ansia anticipatoria (Sconfiggere la paura della paura)
Pubblicato in Crescita Personale

Nelle mie Pillole ho già affrontato da diversi livelli di osservazione il tema dell’ansia, uno stato emotivo legato a quello della paura, con la quale spesso instaura un legame molto stretto. La paura è una reazione involontaria, nata come meccanismo di difesa che discende dall’evoluzione dell’uomo, mentre l’ansia è il risultato di una elaborazione soggettiva, ossia dalla valutazione che ciascuno di noi fa di un determinato segnale di pericolo. Cosa si intende, dunque, con la definizione “ansia anticipatoria”?

Controllare l’Eiaculazione precoce (Ansia da prestazione)
Pubblicato in Crescita Personale

Anche in questa Pillola di Coaching rispondo a una domanda (qui trovi il quesito al quale ho risposto la settimana scorsa) che mi è arrivata tramite il mio canale YouTube. Proviene dall’universo maschile: è possibile controllare l’eiaculazione precoce con l'allenamento mentale? L’argomento è molto delicato, ma tra poco capirai perché ho deciso di trattarlo. 

Imparare a Parlare in Pubblico (Superare ansia e paura)
Pubblicato in Crescita Personale

Il parlare in pubblico, pubblico che può essere un uditorio di 10 collaboratori o una conferenza con centinaia di partecipanti, rientra nella nobile arte di saper comunicare efficacemente. Un pensiero da premio Nobel comunicato male si spegne nel vuoto cosmico, mentre un pensiero mediocre, comunicato con forza e sapienza, incanta le masse. Se ti sono venuti in mente i nomi di uomini politici, di ogni tempo, da classificare come grandi imbonitori e venditori di fumo, hai colto nel segno. 

Regolare Ansia ed Eccitazione (Gestire le emozioni)
Pubblicato in Crescita Personale

Cosa intendiamo con eccitazione? Possiamo definirla come la misura del livello di attivazione dell’insieme formato da mente e corpo. L’eccitazione, pertanto, passa da un livello minimo, durante il sonno, a un livello intenso, ad esempio durante una competizione, un intervento in pubblico, un esame.