massimo binelli

BUSINESS E SPORT COACH

banner libro Atleta Vincente
Iscriviti per VEDERE il VIDEO
Domenica, 16 Luglio 2017 21:31

Quando il Monco sconfigge il Sano (Crederci fino in fondo)

Quando il Monco sconfigge il Sano (Crederci fino in fondo)

Ogni tanto mi fermo a contemplare la libreria del mio studio, che contiene qualche migliaio di volumi. Lascio correre lo sguardo, aspetto che si posi sulla prima copertina che lo attrae, sfilo il libro e rileggo un capitolo a caso. Nei giorni scorsi mi è capitato tra le mani “Seta”, il noto romanzo di Alessandro Baricco pubblicato nel lontano 1996. L’ho aperto nel punto in cui Hervé Joncour, il mercante di bachi da seta, trova Baldabiou, l’uomo d’affari che fece diventare Lavilledieu, il paese del sud della Francia dove è ambientata la storia, un importante centro di produzione della seta, intento a giocare a biliardo. Baldabiou, cito dal testo, «giocava sempre da solo, contro sé stesso. Partite strane. Il sano contro il monco, le chiamava. Faceva un colpo normalmente, e quello dopo con una mano sola. Il giorno in cui vincerà il monco – diceva – me ne andrò da questa città. Da anni il monco perdeva». In un istante ho avuto l’illuminazione per questa Pillola di Coaching. Ecco perché è importante, se non proprio rileggere, almeno sfogliare i propri libri preferiti di tanto in tanto: a distanza di tempo, emergono sempre nuovi livelli di osservazione.

Una partita infinita
Cosa significa sfidare il Monco” e legare all’improbabile sconfitta contro il proprio alter ego menomato un’importante decisione da prendere? Significa costruirsi alibi preventivi indistruttibili, significa non assumersi le proprie responsabilità e rimandare ogni scelta almeno fino al giorno in cui non accadrà qualcosa di straordinario. Sono tutti temi che ben conosci, se hai seguito le Pillole sfornate finora, ma la metafora del Sano contro il Monco è efficace, perché fa capire che autosabotaggio e perseveranza sono le facce opposte di una stessa medaglia.

Da una parte c’è il Sano, al sicuro da ogni scossone perché è consapevole della propria superiorità, mollemente adagiato nella sua zona di comfort, che non rinuncia alle cattive abitudini, che ha legato il cambiamento a una sfida perpetua contro un avversario mutilato, una sfida impossibile da perdere, almeno in apparenza.

Il mio libro “Atleta Vincente. Strategie e tecniche per diventare campioni nello sport e nella vita”, un vero e proprio manuale che rivela i segreti dell’atteggiamento mentale adottato dai Vincenti per raggiungere i loro traguardi: lo trovi su Amazon.it


Dall’altra c’è il Monco, consapevole dei propri limiti e per questo motivato a dare sempre il massimo. È la personificazione della resilienza, ossia della «capacità di lavorare sodo, mantenendo la motivazione al livello più elevato possibile per tutto il tempo necessario al raggiungimento dell’obiettivo principale», come l’ho descritta nella Pillola 74. Il Monco non molla mai, ci crede ogni volta e sa che, lavorando sui propri punti deboli, prima o poi raggiungerà l’obiettivo.

Vuoi che te la racconti io? Ok, clicca e guarda il video...


Gioca per vincere, e non avrai niente da perdere
Troviamo la sintesi perfetta di questi due profili del Giano Bifronte che è in noi nella profezia che si autoavvera, là dove dico che la mente, nel bene e nel male, ci accontenta sempre. E lo fa soprattutto quando, inconsciamente, ci stiamo autosabotando, perché il solo fatto di pensare a una cosa negativa, per il nostro cervello che rimuove la negazione, come sai, equivale a desiderarla. Se vuoi approfondire l’argomento, sappi che gli ho dedicato un intero capito del mio libro “Atleta Vincente. Strategie e tecniche per diventare campioni nello sport e nella vita”.

Ecco che il Sano vincerà contro il Monco finché quest’ultimo non avrà sviluppato la consapevolezza che SI PUÒ FARE, ossia finché non avrà capito che potrà giocare semplicemente per vincere, non avendo più nulla da perdere.

Certo, è una metafora, lo ribadisco, peraltro tratta da un romanzo, ma è molto efficace, perché ci fa capire che se riusciamo a creare aspettative positive su cosa è giusto per noi, credendo fermamente che “ce lo meritiamo” e che possiamo sconfiggere la parte di noi che fino a quel momento ha avuto la meglio, iniziamo a comportarci in modo tale che le nostre azioni trasformeranno queste aspettative in realtà.

È necessario accettare le paure, la paura di perdere, di fallire, di cambiare, e occorre sviluppare la consapevolezza di questo stato: dobbiamo imparare a usare la forza negativa della paura a nostro favore, in modo positivo.

Immagino che adesso, se non conosci “Seta”, tu stia smaniando dalla voglia di sapere com’è finita la sfida tra il Sano e il Monco, dico bene? Ti accontento, ma lascio a te il piacere di scoprire il resto della storia e il finale. «Il 16 giugno 1871, nel retro del caffè di Verdun, poco prima di mezzogiorno, il monco azzeccò un quattro sponde irragionevole, effetto a rientrare. Baldabiou rimase chino sul tavolo, una mano dietro la schiena, l’altra a stringere la stecca, incredulo. “Ma dài”. Si alzò, poso la stecca e uscì senza salutare. Tre giorni dopo partì».

Dulcis in fundo, ecco la domanda binelliana: nella tua sfida quotidiana, è il Sano, a cui piace vincere facile, come diceva la pubblicità, che la spunta sempre, oppure è il Monco che sta lottando come un leone, per averla vinta, prima o poi?

Chi non si arrende mai diventa invincibile
Sappi che con un adeguato allenamento mentale pure il Monco può diventare un campione olimpionico. Ricordi cosa disse Alex Zanardi (so che ha l’intelligenza per perdonarmi questo accostamento ruvido), di cui ho parlato nella Pillola 102? «Se non avessi avuto l’incidente in cui ho perso le gambe, ora non sarei così felice», sono queste le sue parole, pesanti come macigni.

Il mitico Alex si è sempre definito «un grande ottimista, un uomo che ha imparato che nella vita fino a quando hai qualcosa per cui combattere anche le grandi sconfitte possono diventare le più grandi vittorie», ma non occorre auspicare nemmeno per assurdo di perdere le gambe per sperimentare la sua “felicità”. È sufficiente credere con tutte le nostre forze che il Monco che è in noi ce la può fare, può dare il meglio di sé e può vincere.

È il momento di agire!
Vuoi scoprire assieme a me il segreto per far sì che il Monco batta il Sano con un “quattro sponde irragionevole”? Contattami e ne parliamo! Come dico sempre, “alza le chiappe dal divano e muoviti, fai il primo passo verso il tuo obiettivo”, e anche rompere il ghiaccio con un’opinione o una domanda è un modo per uscire dal torpore e passare all’azione, non credi? ;)

Ultima modifica il Domenica, 16 Luglio 2017 21:35

Lascia un commento