massimo binelli

BUSINESS E SPORT COACH

banner libro Atleta Vincente
Iscriviti per VEDERE il VIDEO
Domenica, 01 Maggio 2016 15:51

Pugilato, Memorial Bambini: «Giorgio era una montagna di umanità»

La locandina del 1° Memorial di pugilato "Giorgio Bambini"

Maestro Rodinetti, cosa è stato per lei Giorgio Bambini? «Giorgio per me è stato un grande atleta, una montagna di umanità». Con queste parole dell’ottantenne Tito Rodinetti, ieri, sabato 30 aprile, al Palasport di Vezzano Ligure, in provincia della Spezia, è stato ricordato il pugile spezzino Giorgio Bambini, ex olimpionico, scomparso a 71 anni il 13 novembre scorso, al quale è stato dedicato un memorial, che ho avuto l’onore e il piacere di presentare, destinato a diventare un appuntamento annuale del panorama sportivo ligure. La riunione di boxe è stata organizzata dalla Pugilistica Spezzina, sodalizio sportivo guidato dal presidente Alberto Torri, ex professionista con 37 incontri all’attivo, di cui 24 vinti e 13 pareggiati, in collaborazione con la Polisportiva Prati e con il patrocinio del Comune di Vezzano Ligure.



Giorgio Bambini, classe 1944, era molto amato nell’ambiente del pugilato. Da dilettante aveva conquistato un titolo italiano, l’oro ai Giochi del Mediterraneo di Tunisi del 1967 e l’oro alla Preolimpica di Messico ‘68. Alle Olimpiadi di Città del Messico ‘68, vinse il bronzo nei pesi massimi, unica medaglia italiana nel pugilato in quell’edizione dei Giochi. Venne sconfitto, prima della finale, da un certo George Foreman...

Passato nei professionisti dopo le Olimpiadi, è stato quattro volte campione italiano ed ha chiuso la carriera nel 1971, imbattuto: 15 vittorie su altrettanti incontri disputati. Dopo la fine della carriera sportiva, per anni aveva gestito in viale Italia, alla Spezia, il ristorante “Mexico 68”.

Bambini è stato allievo di Tito Rodinetti, anch’egli spezzino, classe 1936, uno dei più noti pugili della Spezia e uno dei più anziani maestri di pugilato (ce ne sono circa 40 in tutta Italia), riconosciuti dalla Federazione Pugilistica Italiana, ancora in attività. Rodinetti, 3 volte campione ligure dilettanti, diventò professionista nel ’58, ottenendo 10 vittorie e 4 pari in 22 incontri, ma appese i guantoni al chiodo nel ’63 per seguire la sua vocazione, l’insegnamento, una missione che porta avanti da ben 53 anni.

Durante la cerimonia di apertura dell’evento, sul ring era presente la figlia di Giorgio, Barbara, alla quale l’assessore allo Sport del Comune della Spezia, Patrizia Saccone, dopo aver ricordato la figura di Bambini, ha consegnato una targa commemorativa in nome dell’amministrazione spezzina. Inoltre, hanno rivolto un saluto ai partecipanti Umberto De Rosa, segretario della Pugilistica Spezzina, e Simone Regoli, responsabile amministrativo della Polisportiva Prati, che ha chiesto un minuto di raccoglimento per il vicepresidente Augusto Marchi scomparso proprio nei giorni scorsi.

Alla riunione hanno partecipato 18 atleti in rappresentanza di 11 società. Erano in programma 9 incontri, ma ne sono stati disputati 8 a causa della rinuncia di un giovane atleta, colpito da un lieve malessere poco prima dell’inizio dei combattimenti.

Pugili convocati:

Kennedy Kola (Pugilistica Spezzina), categoria Junior, 3 match all’attivo; Achraf Mounatik (Pugilistica Spezzina), Senior, 3; Fabio Natale (Pugilistica Spezzina), Senior, 6; Ronald José Abreu Santos (Pugilistica Spezzina), Senior, 2; Cristian De Vincenzo (Pugilistica Carlevarino Savona), Senior, 3; Klevis Rami (Pugilistica Carlevarino Savona), Senior, 20; Ferdinando Colangelo (Rossetto Boxe Genova), Senior, 1; Hasan Saliu (Grifo Boxe Genova), Junior, 6; Loris Mascaro (Grifo Boxe Genova), Senior, 4; Michael Mancini (Grifo Boxe Genova), Senior, 3; Giovanni Robbiano (Tito Copello Genova), Senior, 9; Paolo Dell’Aquila (Pugilistica Sestri Levante), Junior, 2; Alessandro Stefanazzi (Fighting Boxe Imperia), Senior, 4; Gabriele Rizzo (Biagio Boxe Asti), Senior, 2; Lorenzo Ferdani (Sarzana Ring), Youth, 5; Emanuele Grillo (Pugilistica Massese), Junior, 2; Lorenzo Galloni (Pugilistica Massese), Youth, 14; Giacomo Paolini (Pugilistica Carrarese Enrico Bertola), Senior, 15.

Risultati dei match (angolo ROSSO vs angolo BLU):

Paolo Dell’Aquila (56 kg) - Emanuele Grillo (56 kg): PARI
Lorenzo Galloni (60 kg) - Lorenzo Ferdani (60 kg): VINTO Ferdani
Ronald José Abreu Santos (60 kg) - Loris Mascaro (60 kg): VINTO Mascaro
Gabriele Rizzo (64 kg) - Achraf Mounatik (63 kg): PARI
Giovanni Robbiano (69 kg) - Fabio Natale (69 kg): VINTO Natale
Alessandro Stefanazzi (64 kg) - Michael Mancini (69 kg): VINTO Stefanazzi
Cristian De Vincenzo (70 kg) - Ferdinando Colangelo (70 kg): VINTO Colangelo
Klevis Rami (70 kg) - Giacomo Paolini (69 kg): PARI

A ciascun atleta, Barbara Bambini ha donato una medaglia di partecipazione, coniata appositamente per l’evento con la riproduzione del padre in combattimento.

Gli incontri sono stati arbitrati da Vincenzo Lagala (giudice internazionale), Maurizio Giustrà e Massimo Rutigliani. Commissario di Riunione Lorella Tasso. Medico in servizio dottor Roberto Gaggino.

Alcune immagini della manifestazione (foto by Valter Lunardelli).

Da

Da sinistra, Simone Regoli, Umberto De Rosa, Massimo Binelli, Patrizia Saccone,
Barbara Bambini e Tito Rodinetti

Barbara Bambini consegna le medaglie commemorative agli atleti

Barbara Bambini consegna le medaglie commemorative agli atleti

Momenti di boxe

Momenti di boxe

Momenti di boxe

Momenti di boxe

Momenti di boxe

Ultima modifica il Mercoledì, 04 Maggio 2016 16:59

Lascia un commento